Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Riviermodel’

Mistero fiorentino

Pubblicato il 9 giugno 2018

Quando, nel 1966, uscirono i trenini Lima in scala N, a casa avevamo, da qualche tempo, dei modelli in H0: una locotender a vapore, forse Lima, una motrice diesel da manovra Fleischmann, un paio di Centoporte Rivarossi e qualche merci, ed il trasformatore giallo,  Rivarossi anch’esso. Papà aveva fatto tre moduli da un metro, che potevano essere liberamente interconnessi con binari sciolti dando spazio alla fantasia.  Erano belli e divertenti.

Un giorno però vedemmo nella vetrina di Ario Selenati in via Torino i primi Micromodels. Erano troppo belli! Ario, non più giovanissimo, era di Pola, e aveva dovuto lasciare la sua terra e trapiantarsi nella nostra città dove nel 1959 aveva aperto il suo negozio di ferramenta nel quale assieme alla moglie, una signora gentilissima, vendeva anche trenini Lima e Rivarossi.

Raccolsi varie monetine da dieci, fino a raggiungere l’astronomica somma di 400 Lire, ed acquistai un carro frigorifero, bianco.

Due monete da 10 lire. Venti di queste coppie facevano un carro merci Micromodels…

Seguirono alcuni binari, sui quali mi divertii a far correre il vagone (anche a letto durante un’influenza!), fino alla decisione di vendere a Paolo, un compagno di quinta elementare, figlio di un senatore, i modelli in H0 per sostituirli con quelli in N. Naturalmente avevo avuto l’approvazione di papà. Lui, entusiasta delle possibilità che la scala “piccola” permetteva, iniziò a progettare quello che, nel giro di un paio d’anni, si sarebbe concretizzato come il favoloso plastico di Querceto.

Giunse poi l’estate del 1968 (cinquant’anni fa!).

Eravamo in viaggio verso l’Umbria. Destinazione il paesino di nonno, sui monti spoletini.

Il paese di nonno

Fino a qualche anno prima il viaggio lo si faceva in treno, con cambio a Terontola, e poi col taxi da Foligno al paese. Ora invece si viaggiava lussuosamente a bordo della Fiat 850 carta da zucchero.

Fiat 850, da wikimedia

Passammo per Firenze, per una breve sosta per visitare la città. Parcheggiammo e girammo in centro, affascinati dalla bellezza della città toscana. Ad un angolo, poco lontano dal duomo, un piccolo negozio vendeva trenini. In vetrina, dei modelli in scala N. Incollai il naso alla vetrina, stupito: incredibile! Un’articolata in scala N! Lì vicino una targa “Rivarossi”

E.636 Cestaro – Foto e modello di Antonio Rampini

Doppia buona notizia! Rivarossi produce in scala N – e fa le articolate! Non osai chiedere di entrare – eravamo un po’ di fretta e il viaggio era ancora abbastanza lungo.

Tornati a casa dopo le vacanze, vado da Selenati e chiedo dei Rivarossi in scala N. Un giovane commesso, Albino Z., quasi sprezzante, mi dice che Rivarossi la N non la fa. Sarà colui che in futuro rileverà il negozio di Ario per gestirlo fino a poco tempo fa, ma credo che i trenini non li amasse e che non ci abbia mai capito nulla (qualche anno più tardi infatti tentò di vendermi un set di carrozze americane Observation di coda: ma non ce ne può stare più di una per treno! hanno persino il gancio su un solo lato…lui però voleva svuotare il magazzino).

Io ero certo di aver ragione. Di lì a poco uscì il primo catalogo Rivarossi in scala N (agli inizi si chiamava Atlas, in verità, ma il marchio con la doppia R era comunque in bella vista). Visto? avevo proprio ragione! Sfoglio il catalogo, ma la bella articolata non c’é. In realtà non arriverà mai: il catalogo Rivarossi in scala N resterà desolatamente corto per quanto riguarda le motrici FS: D.341 ed E.444 , dopo vari anni ripitturata in E.447.

Come si spiega? A tanti anni di distanza, sono certo di non aver sognato! Mah, probabilmente la E.636 era artigianale. Chissà:  Cestaro? Riviermodel? o forse solo ottenuta tagliando e attaccando due E.424 Lima, come faceva in quegli anni Giovanni Muzio?

E.636 Riviermodel – Foto e modello di Carlo Mercuri

E.636 di Muzio

E la targa Rivarossi? Probabilmente era lì per caso, e si riferiva a qualche modello in H0 là accanto. Non lo saprò mai: rimane un irrisolto Mistero Fiorentino.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: