Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Carri italiani’ Category

Pubblicato il 19 novembre 2016

A catalogo Rivarossi in scala N, già nel 1970/71 erano apparsi dei carri merci marcati FS ma piuttosto colorati, e con la scritta MIGROS. Costavano parecchio all’epoca per le finanze di un ragazzino, e così non entrarono mai a far parte del parco rotabili di Querceto.

carr Migros sul catalogo-rivarossi del 1970/1

carri Migros sul catalogo-rivarossi del 1970/1

Oggi ne ripercorriamo la vita, cercando di collocarli al posto giusto della storia ferroviaria.

(altro…)

Read Full Post »

Pubblicato il 28 settembre 2013, ultima modifica 16 maggio 2015

Qualche anno fa ebbe grande successo un carro merci in scala N,  che probabilmente è stato il primo carro fotoinciso in kit nella storia di questa scala in Italia: il carro Hg (secondo la vecchia catalogazione pre-UIC) o Ims (catalogazione UIC)

Era realizzato da Fabrizio Mungai, e fu l’inizio di un cammino che,  intrapreso assieme a Luca Petruzzo, grande fermodellista in tutte le scale, ha portato alla creazione del marchio “N-kit“.  Tra le realizzazioni principali, una stupenda carrozza tipo 59, i molti aggiuntivi per migliorare i locomotori elettrici e non, per arrivare poi in anni più recenti all’avventura più sfidante: la realizzazione di una E.636, una E.645, e a cui sta facendo seguito la “Camilla”. Vediamo qui le realizzazioni principali.

Carro refrigerato Ims/Hg

Il carro Ims/Hg si presentava come una lastrina fotoincisa.

Lastrina Carro Hg - Foro Carlo Mercuri

Lastrina Carro Hg – Foto Carlo Mercuri

Il montaggio è descritto da Carlo Mercuri su rotaie.it, e pare non sia troppo difficile. Così sostiene anche Giuseppe Risso, che con questo carro ha iniziato la sua splendida avventura di ferromodellista-saldatore e che ne ha splendidamente documentato la costruzione sul suo sito. Il Kit è completo di assi, ganci e decals. Boccole, ganci e respingenti sono in microfusione d’ottone. E’ possibile allestire di una testata realistica. Il kit (ancora disponibile nella seconda ristampa) costa 29 Euro.

Tre Carri Hg montati. quello in altoha, a destra, il gancio modellistico. Foto Carlo Mercuri.

Tre Carri Hg montati. quello in alto ha, a destra, una riproduzione realistica del gancio e dei sistemi pneumatici di accoppiamento. Foto Carlo Mercuri.

Carrozza Tipo 1959

La Tipo 1959 di seconda classe, presentata a Novegro nel 2009,  ha corpo in alpacca e molti dettagli in ottone fuso. La carrozza, molto bella, era venduta (montata) al prezzo di 130 €.

Due viste della Tipo 1959 di Fabrizio Mungai

Due viste della Tipo 1959 di Fabrizio Mungai – Foto Luca Petruzzzo

La Tipo 1959 NKit, commercializzata anche come

La Tipo 1959 NKit, commercializzata anche come “Binario 2”

Nel 2010 è stata realizzata in versione in kit, al prezzo di 79 €. Per il montaggio non c’ era bisogno di saldare/piegare niente e nemmeno di verniciare o mettere decals.  Si trattava solo di un lavoro di assemblaggio da fare con colla bicomponente o simili.

Il kit aveva carrelli già verniciati e assemblati, così come gli interni già terminati e tutta la cassa già finita e tampografata a più colori. Gli areatori sull’imperiale erano in microfusione d’ottone. Anche gli interni erano riprodotti dettagliatamente, con divani completi di poggiatesta e braccioli e perfino il sottocassa è completamente riprodotto. I carrelli sono conformi al reale con annessa tiranteria e generatore. I mantici sono in posizione estesa, con riproduzione delle nervature anche all’interno.

Tipo 1959 in kit

Tipo 1959 in kit

E’ prevista una seconda tiratura del kit di montaggio, visto che la prima è andata esaurita e che vi sono state ancora molte richieste.

E.636

La prima E.636 realizzata da Fabrizio risale al 1997, quando aveva vent’anni, ed era di… cartone!

La E.636.080 di cartone

La E.636.080 di cartone

Poteva comunque circolare sul plastico in falsa doppia trazione (non era stata realizzata la motorizzazione). Se ne trova traccia sul sito di interrail.

Diversi anni dopo, forte dell’esperienza maturata con i carri visti sopra, Fabrizio (con l’assistenza di Luca) si è messo al lavoro per costruire una macchina “meno delicata”, in kit. Eccola parzialmente montata, con la motorizzazione a vista.

E.636 di N-Kit parzialmente montata. Foto di carlo Mercuri.

E.636 di N-Kit parzialmente montata. Foto di Carlo Mercuri.

A montaggio e verniciatura completate, il modello si presenta così:

E.636 N-Kit (Fabrizio Mungai)

E.636 N-Kit (Fabrizio Mungai)

Il modello ha 4 diverse varianti di numerazione. Il kit è comprensivo di meccanica, carrozzeria e pantografi FS tipo 52 (strisciante dritto o curvo in base all’epoca d’ambientazione). Cabina e tetto sono in microfusione d’ottone in un unico pezzo, così come sono in microfusione  carrelli, vomere, fischio, tromba, REC maschio e femmina. Le fiancate sono invece  in fotoincisione d’alpacca.  La motorizzazione è pre-assemblata , ed ha 2 motori dotati di volani e posti sui carrelli d’estremità  E’ possibile allestire il frontale realistico o modellistico.

E.645.104

E.645.104 di N-Kit

E.645.104 di N-Kit

Visto il successo ottenuto dalla E.636, la tappa successiva è stata la realizzazione di una E.645 prima serie: la n. 104. Le caratteristiche del kit sono analoghe a quelle dalla E.636. Entrambe queste articolate erano vendute a 220 Euro, che andavano a coprire i costi di produzione. I kit sono esauriti.

Camilla

Questa particolare E.636 (la 284, che ebbe il muso ricostruito in versione sperimentale dopo un incidente) viene realizzata in kit comprendente i musetti e imperiale in microfusione d’ottone in un unico pezzo, mentre fiancate, fischio, vomere, REC maschio e femmina sono in lastrina fotoincisiona. I pantografi, di tipo 52, hanno strisciante dritto o curvo, a seconda dell’ambientazione del modello. I vetri della cabina sono in plastica fresata. La dotazione di decals è inclusa, e sono previste tre versioni possibili in base all’ambientazione (d’origine, con logo Xmpr o attuale) . Il modello è stato realizzato usando un programma 3D e facendone “stampare” da il master da una ditta specializzata. La stampa 3D è poi stata rifinita e usata per la fusione.  Le istruzioni per il montaggio sono già state pubblicate sul Forum ASN. E’ inclusa una motorizzazione Lineamodel realizzata appositamente.  Annunciata a Verona 2013, era in dirittura di arrivo dopo pochi mesi a Novegro, ma per un ritardo nella realizzazioni delle motorizzazioni è posposta di un pochino. Il prezzo definitivo non è ancora stato comunicato, lo saprà quando saranno pronte le motorizzazioni.

I musetti della Camilla

I musetti della Camilla

Decals per la Camilla

Decals per la Camilla

Lastrina della Camilla

Lastrina della Camilla

Altre realizzazioni

Recentemente N-Kit ha stabilito una presenza sul web, con un sito dedicato. Ad esso rimandiamo per i vari aggiuntivi (inclusi i pantografi tipo 52 ed il kit di modifica delle UIC-X Fleischmann) che permettono di rendere più realistici vari modelli commerciali, e per gli edifici (per ora una cabina ENEL).

C’é inoltre a materiale in altre scale che in questa sede non ci interessa particolarmente.

E per il futuro? Ad una domanda posta sul forum ASN: “Quand’è che cominciate a progettare una 656 – 646?” Fabrizio ha risposto: “Appena consegnata la Camilla… amo troppo le articolate per non farmele tutte…”. Quindi, come si dice negli USA: stay tuned!

Fabrizio e Luca sono contattabili all’indirizzo serluke@teletu.it

Read Full Post »

pubblicato il 2 febbraio 2013, ultima modifica 23 settembre 2014

Giuseppe Borzellino è ben noto nel mondo della Scala N, ed è molto apprezzato per i suoi lavori. Sul web però è assai difficile trovare informazioni su di lui e sulla produzione della sua DANIfer: cercando “danifer” con google si trova tutt’altro, e facendo ricerche più mirate come “danifer scala n” o “danifer borzellino” le informazioni e immagini che si trovano sono scarse e frammentarie.  Con questo articolo ci proponiamo di colmare  questo vuoto.

Appassionato di ferrovia e di modellismo fin da bambino, Giuseppe conobbe nel 1995, ad una mostra, il titolare di una ditta che stampava in resina, materiale che allora non conosceva, scocche di auto. Raccolse notizie su come procedere per stampare alcuni modelli e partì con l’intenzione di ampliare la propria collezione di treni in scala N. La scelta cadde sulla “Corbellini”.

Corbellini semipilota Danifer

Corbellini semipilota Danifer

Giuseppe aveva i disegni quotati, foto a volontà e il modello in N, naturalmente, non esisteva. Dopo un mese di lavoro il prototipo, costruito con vari fogli e laminati in plastica, era pronto per essere stampato. Il primo problema si evidenziò quando Giuseppe riferì alla ditta la sua intenzione di avere 10 (dieci!) stampi per la propria collezione privata: la risposta fu che il quantitativo minimo era di 100 (cento!) pezzi: questo voleva dire decuplicare i costi di assi, decals, fotoincisioni… Giuseppe però non si scoraggiò: prese coraggio ed iniziò la sua avventura. Realizzati i primi pezzi, li mostrò ad alcuni negozianti di Roma: dopo tre settimane dovette mettere in stampa una seconda fornitura! Così, quasi per caso, nacque DANIfer.

Tutti i modelli sono in resina epossidica, verniciati ad aerografo con colori originali FS (anche se forse non possono avere la precisione industriale della tampografia, sono comunque bellissimi), hanno vetri a filo, marcature in decals particolarmente curate con diverse numerazioni e particolari in fotoincisione. Tutte le meccaniche dei modelli DANIfer sono di Fonfara.

DANIfer realizza anche lastrine fotoincise che comprendono accessori  per un locomotore E.424 o E.636 o E.646: i corrimano completi , condotte, tergicristallo e trombe. Un’altra lastrina contiene aggiuntivi per la D.341. I tre set di decals comprendono varie numerazioni di locomotive elettriche, diesel e della Gr.835. E’  in preparazione un quarto set di decals dedicate alle E.626 ed E.652.

Lavorando da solo (le sue collaborazioni si esauriscono con Euromodell per le motorizzazioni e con MDF per fotoincisioni e decals) Giuseppe (e quindi DANIfer) non ha un sito. Partecipa solo sporadicamente a qualche evento modellistico, per cui occorre contattarlo tramite e-mail o telefono. I contatti sono riportati nel catalogo scaricabile alla fine di questo articolo.

Passiamo ora in rassegna i modelli prodotti da questa piccola ma prestigiosa realtà artigianale.

Materiale motore.

D 341 è in resina, su base Rivarossi, migliorata: fanali di giuste dimensioni, finestrini risagomati, scalette complete, corrimano, vetri a filo e nuove targhe. E’ stata realizzata anche in livrea nera LFI.

La D.341.1035 Danifer

La D.341.1035 DANIfer – Foto di Fabrizio Guerrieri

La D.341.1035 Danifer

Dettaglio del frontale della D.341 DANIfer. Si notano i vari corrimano, le condotte di accoppiamento, i tergicristalli. Foto Giuseppe Borzellino

ALn 668 serie 1400/1800

Vendute in coppie e in terne, sono state realizzate in diverse livree: origine (castano/isabella), verde lichene-giallo coloniale, grigio azzurro-pergamena, XMPR.

ALn 668.1881 in livrea

ALn.668.1881 DANIfer in livrea grigo azzurro-pergamena.

Coppia di 668, una in verde lichene - giallo colonale

Coppia di 668, una in verde lichene – giallo coloniale

ALn 668 nella ua veste più recente:XMPR

ALn.668.1802 nella sua veste più recente: XMPR

ALn.660.1404, rimorchiata intermedia.

ALn.668.1404 in versione macchina intermedia (intercomunicanti aperti su entrambi i lati). Foto dalla Collezione Angioy.

Ln.664.1408 rimorchiata intermedia (DANIfer fuori produzione)

Ln.664.1408 rimorchiata intermedia (DANIfer fuori produzione). Foto dalla Collezione Angioy.

ALe 803

Questo modello fa eccezione perchè non è in resina ma in metallo. Motorizzazione Bodo Fonfara. Tripletta comprendente la ALe.803, la Le.803 intermedia e la Le.803 pilota.

Confezione con i tre elementi della ALe.803 di DANIfer. Foto collezione Angioy.

Confezione con i tre elementi della ALe.803 di DANIfer. Foto collezione Angioy.

ALe.803 DANIfer sul plastico di Cretaz, da

La splendida ALe.803 DANIfer sul plastico di Cretaz, da http://cretaz-station.blogspot.it

Carrozze passeggeri

Corbellini: Tipo 1947 – Tipo 1951R

Come già detto, le Corbellini sono state il primo prodotto di DANIfer (Ricordiamo che su questo blog c’è un dettagliato articolo sulla storia di questo tipo di carrozze, con vari dettagli).
Le Corbellini realizzate da DANIfer comprendono almeno 4 diverse tipologie: Tipo 1947 simmetrica a carrelli, Tipo 1947 simmetrica a carrelli con aeratori, Tipo 1947 versione semipilota, e Tipo 1951R lunga mista. Varie le livree: castano-isabella, grigio ardesia, castano, LFI.

Tipo 1947 simmetrica di DANIfer con aeratori sul tetto, dalla collezione di Paolo Angioy

Tipo 1947 simmetrica di DANIfer senza aeratori, dalla collezione di Paolo Angioy

Vettura semipilota Tipo 1947 di DANIfer, dalla collezione di Paolo Angioy

Confezione DANIfer da due vetture tipo 1951R “lunghe” simmetriche

Dettaglio della semipilota.

Dettaglio della semipilota. Si notino i finestrini abbassati, la nitidezza delle scritte, le condotte di accoppiamento verniciate. In primo piano la cabina telefonica, anch’essa prodotta da DANIfer

La prossima foto mostra una Tipo 1947 in un diorama di Giuseppe Borzellino presentato su Ferrovie.it.

Dettaglio di una Corbellini Tipo 1947 DANIfer modificata per un diorama. Si possono notare i mancorrenti interni alle porte.

Tipo 1959

Le Tipo 1959 caratterizzano l’intera seconda metà del ventesimo secolo, e sono quindi carrozze che hanno un grande fascino per il ferromodellista. DANIfer le ha realizzate in quattro versioni: Az, ABz, Bz, Brz (carrozza ristoro). Le livree sono il castano, il grigio-ardesia e il rosso fegato, oltre che la caratteristica livrea “Treno Azzurro“.

Le Tipo 1959 DANIfer in castano. Dall'alto in basso Bz, ABz e Az.

Le Tipo 1959 DANIfer in castano. Dall’alto in basso Bz, ABz e Az.

Tipo 1959 Az DANIfer - dalla Collezione Angioy

Tipo 1959 Az DANIfer – dalla Collezione Angioy

Az Tipo 1959 - versione senza aeratori

Az Tipo 1959 – versione senza aeratori

Tipo 1959 ABz Grigio Ardesia DANIfer - dalla Collezone Angioy

Tipo 1959 ABz Grigio Ardesia DANIfer – dalla Collezione Angioy

BZ 1959 Danifer - Foto Christian Corradi

Tipo 1959 Bz Grigio Ardesia – Foto Christian Corradi

Tipo 1959 Az DANIfer - dalla Collezione Angioy

Tipo 1959 Az DANIfer – dalla Collezione Angioy

Tipo 1959 ABz DANIfer - dalla Collezione Angioy

Tipo 1959 ABz DANIfer – dalla Collezione Angioy

Tipo 1959 ABz in livrea Treno Azzurro

Tipo 1959 ABz in livrea Treno Azzurro

Interessanti le versioni Brz, carrozza ristoro, sia in grigio ardesia che in rosso fegato.

Carrozza Ristoro DANIFer Tipo 1959 - Grigio Ardesia

Carrozza Ristoro DANIFer Tipo 1959 lato compartimenti – Grigio Ardesia

Carrozza ristoro Tipo 1959 Rosso Fegato - DANIfer

Carrozza ristoro Tipo 1959 Rosso Fegato lato corridoio – DANIfer

Tipo 1960 – cuccette

Una variante delle Tipo 1959 furono le cuccette Bcz costruite nel 1960, e fino a poco tempo fa ancora in circolazione. DANIfer le ha realizzate in Rosso Fegato e in XMPR.

Cuccetta Tipo 1960. SI notano, all'interno degli scompartimenti, le scalette per accedere alle cuccette superiori. La curvatura del tetto è una aberrazione sferica dell'obiettivo fotografico, e non un difetto del modello.

Cuccetta Tipo 1960 DANIfer. Si notano, all’interno degli scompartimenti, le scalette per accedere alle cuccette superiori. La curvatura del tetto è una aberrazione sferica dell’obiettivo fotografico, e non un difetto del modello. (Cliccare sull’immagine per ingrandirla).

Cuccetta Tipo 1960 XMPR

DANIfer: Cuccetta Tipo 1960 XMPR – lato corridoio.

Cuccetta Tipo 1960 XMPR - lato compartimenti

Cuccetta Tipo 1960 XMPR – lato compartimenti

Dettaglio di una Tipo 1960. Si notino il mancorrente e il predellino in fotoincisione.

Dettaglio di una Tipo 1960 DANIfer. Si notino il mancorrente e il predellino in fotoincisione. Anche le cornici dei finestrini sono fotoincise.

Delle cuccette miste AcBcz 64 302 – 319 del 1956 sono ottenibili elaborando delle DANIfer ABz 1959. L’operazione è stata documentata da Gigi Voltan sul forum NParty.

Bagagliai Tipo 1964

Anche se non figurano a catalogo, in passato DANIfer ha realizzato indispensabili complementi come i Dz 80200 in livrea grigio ardesia e treno azzurro. Credo che di recente siano stati rimessi in produzione.

Diz 80200, bagagliaio Tipo 1964, dalla Collezione Angioy

Diz 80200, bagagliaio Tipo 1964, dalla Collezione Angioy

Il Dz 80200 in livrea Treno Azzurro, dalla Collezione Angioy

Il Dz 80200 in livrea Treno Azzurro, dalla Collezione Angioy

Partendo da questi bagagliai è possibile effettuare, tramite una elaborazione non eccessivamente complessa, i DUz 93.250 – 258 che furono abilitati ai 180 Km/h tra il 1970 e il 1973. Gigi Voltan ha documentato tale trasformazione sul forum Nparty.

Altri prodotti

Oltre al materiale fin qui visto, la produzione DANIfer comprende anche un set di 4 carri a sponde con carico telonato, e vari accessori per il plastico: casello FS piccolo, cabina telefonica FS, macaco, cassa manovra deviatoi, paraurti per tronchino (le foto sono visibili sul listino).

I telonati di Borzellino, dalla Collezione Angioy

I telonati di Borzellino, dalla Collezione Angioy

In passato ha realizzato anche pianali lunghi FS (in coppia) per il trasporto rotaie.

Il listino DANIfer non è reperibile in rete, e quindi pensiamo di fare cosa utile pubblicandone qui una copia recentemente avuta da Giuseppe (anche se l’intestazione dice “2006” sembra essere quello corrente).

licca sull'immagine per vedere il catalogo DANIfer

Clicca sull’immagine per vedere il catalogo DANIfer

Segnaliamo che è possibile acquistare delle carrozze DANIfer anche sul sito Ferrovie.it On Line, anche se  i soci ASN è meglio si rivolgano direttamente a Giuseppe per avere lo sconto loro riservato. Infine, sempre sul sito di Ferrovie.it, è possibile vedere un diorama che mostra come l’abilità modellistica di Giuseppe non sia limitata ai soli rotabili.

Ringrazio Paolo Angioy e Giuseppe Borzellino per foto e informazioni, e Fabrizio Guerrieri che qualche tempo fa mi aveva inviato alcune foto della D.341.

Read Full Post »

Pubblicato: 24 novembre 2012

A partire dall’ottobre 2010, mese in cui MW-Modell aveva annunciato l’intenzione di produrre carri F delle FS, sono apparse diverse varianti degli stessi.

I carri F furono prodotti in varie versioni ambientate in varie epoche, con diversi loghi, con e senza garitta.

Un anno fa (novembre 2012) sono apparse 10 versioni di carri Hg e Ims (le versioni “frigo” degli F ambientati in varie epoche, diversi loghi, con e senza garitta).

A settembre 2012 sono state prodotte versioni di F con lanterne di fine convoglio, e Hg con le scritte “Gelati Motta” che sono ora disponibili.

Carro His senza frenatore con logo “Gelati Motta” da MW-Modell

Anche se il costo dei carri non è trascurabile (tra i 50 e i 60 euro per una coppia),  evidentemente le cose devono essere andate bene per il piccolo produttore tedesco (che per la distribuzione in Italia ha una partnership con Pi.R.A.T.A.), tanto che MW-Modell ha deciso di proseguire su questa strada ampliando la propria offerta. Questa volta con un modello davvero nuovo: ha infatti presentato il prototipo del carro FF (che in diverse epoche fu classificato EE o Ghs). Come sempre verrà offerto in 4 diverse versioni differenziate per epoca di ambientazione:

  • N-IT-407a FS tipo FF/EE, 4+4 aeratori, Ep2
  • N-IT-407b FS tipo FF, 4+4 aeratori, Ep3a
  • N-IT-407c FS tipo FF, 4+4 aeratori, Epo.3b
  • N-IT-407d FS tipo Ghs (exFF), 4+4 aeratori, Ep4

Il prototipo del carro FF, ancora senza decals.

Ha inoltre annunciato carri Gabs, come sempre di varie epoche e diverse marcature, al prezzo di 37,90 l’uno (un euro in più per i carri invecchiati):

  • MU37001-A marcatura:3183-1814 022-1 Epoche:IV
  • MU37001-B marcatura:3183-1814 024-7 Epoche:IV
  • MU37001-AW, invecchiato  marcatura:3183-1814 022-1 Epoche:IV
  • MU37001-BW, invecchiato marcatura:3183-1814 024-7 Epoche:IV
  • MU37002-A marcatura:3183-1812 536-2 Epoche:IV
  • MU37003-A marcatura:3183-1814 930-5 Epoche:V
  • MU37003-B marcatura:3183-1814 932-1 Epoche:V
  • MU37002-B marcatura:3183-1812 538-8 Epoche:IV
  • MU37002-BW, invecchiato marcatura:3183-1812 538-8 Epoche:IV
  • MU37003-BW, invecchiato marcatura:3183-1814 932-1 Epoche:V
  • MU37002-AW, invecchiato marcatura:3183-1812 536-2 Epoche:IV
  • MU37003-AW, invecchiato marcatura:3183-1814 930-5 Epoche:V

In realtà questa è una falsa novità, perché si tratta dei già noti carri di Michael Mende, ma evidentemente anche in Germania i piccoli produttori tentano (giustamente) delle aggregazioni per fare sinergie.

MW-Modell ha recentemente anche annunciato una versione svizzera del carro F che già conosciamo.

Read Full Post »

Older Posts »