Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Curiosità’ Category

Pubblicato il 28 gennaio 2017, ultima modifica 1 marzo 2013

Pare che ci siamo: il servizio Intercity è arrivato al momento del nuovo rilancio. L’Amministratore Delegato di Trenitalia, Barbara Morgante, ha parlato in conferenza stampa del “nuovo contratto che ridà vita agli Intercity“. Lo si “festeggia”  abbandonando la livrea XMPR e passando ad un nuovo disegno, piuttosto sobrio, che è stato presentato il 19 gennaio 2017.

Convoglio composto da una E.402B nella nuova livrea IC, con due carrozze IC Sun e a seguire IC Notte

Convoglio composto da una E.402B nella nuova livrea IC, con due carrozze IC Sun e a seguire IC Notte

Per vari mesi si erano viste “indiscrezioni” sulla nuova livrea per i treni diurni, ora chiamati Intercity Sun, e quelli notturni (Intercity Notte). Erano state riportate sul blog di tuttotreno a luglio. Ora quella definitiva, che era stata anticipata sullo stesso blog a dicembre (anche per la versione notte), è stata ufficialmente presentata: tetto grigio piuttosto chiaro, fiancate bianche con una riga rossa orizzontale interrotta dai loghi “Trenitalia” e “Intercity SUN”, sottocassa grigio scuro.

La nuova livrea IC Sun, disegno FS

La nuova livrea IC Sun applicata a una ex GC compartimenti, disegno FS

Logo IC Sun

Logo IC Sun

Logo Trenitalia nella nuova livrea

Logo Trenitalia nella nuova livrea

 

Il nuovo vestito ricorda moltissimo le carrozze IC tedesche di qualche anno fa.

La livrea IC delle DB. Foto © Hugh Llewelyn da wikimedia

La livrea IC delle DB. Foto © Hugh Llewelyn da wikimedia

Se ne distacca per le vistose porte rosse che danno una nota che richiama alla mente la Svizzera, i crociati, la Croce Rossa e perfino la vecchia Balena Bianca: la Democrazia Cristiana. Nonostante queste evocazioni, pare non dispiacciano…

Anche le motrici adeguano il loro aspetto – ne discuteremo sotto.
(altro…)

Read Full Post »

Pubblicato il 3 settembre 2016

La scrittura di queste note è almeno in parte motivata da vari ricordi più o meno di infanzia a carattere ferroviario. Tra questi c’e n’è uno con una curiosa dinamica: sul ponte che traversa l’Isarco, e che è parte integrante della stazione di Bolzano, si vedeva frequentemente una 245 da manovra andare avanti e dietro con un convoglio merci che si accorciava progressivamente. Quando tornava verso la stazione si poteva sentire il motore andare rapidamente su di giri: accelerava violentemente per poi rallentare, e a questo punto uno o più carri si staccavano dal convoglio e procedevano autonomamente per inerzia, fino a cozzare, a volte piuttosto violentemente, con carri fermi su uno dei”binari di direzione” del fascio merci che si snodava a fianco di quello di corsa con le pensiline.

Dei carri si muovono a gruppi durante una fase di smistamento effettuato a spinta.

Dei carri si muovono a gruppi durante una fase di smistamento, immagine da un filmato Luce

In questi casi si sentiva un gran botto metallico di respingenti che attutivano l’urto. Nella maggior parte dei casi però l’accostamento dei carri avveniva con meno violenza, e meno fragore.

Imparai presto che si chiamava “manovra a spinta”, e che era un modo efficiente per smistare i carri riorganizzando i convogli per prepararli per le nuove destinazioni.

(altro…)

Read Full Post »

Pubblicato il 27 agosto 2016, ultima modifica 16 dicembre 2016 

All’Expo di Milano 2015 eravamo riusciti a trovare qualche piccolo spunto di carattere ferroviario. 76 anni prima, all’Expo di New York del 1939, le ferrovie avevano invece avuto un ruolo di primo piano.

Nel parco di Flushing Meadows che ospitava l’Expo (quello dove si trovano i campi da tennis sui quali si giocano gli US Open) vi era un’ampia zona dedicata ai trasporti, al cui interno si trovavano il Railroad Building nel quale si svolgeva anche un’opera teatrale in cinque atti (Railroads on parade) che, di fronte a 3000 spettatori alla volta, celebrava l’epopea delle ferrovie, con musiche di Kurt Weill.

Locandina dello spettacolo teatrale

Locandina dello spettacolo teatrale

Protagonisti a teatro erano proprio i treni, con una mostra di locomotive a vapore che ne ripercorreva l’epopea, a partire dal Tom Thumb, la prima macchina a vapore ad uso ferroviario costruita in USA, fino alle macchine più recenti e prestigiose.

Scena finale di Railroad on Parade, Foto Library of Congress

Scena finale di Railroad on Parade, Foto Library of Congress

(altro…)

Read Full Post »

La Provvida

Pubblicato il 13 agosto 2016

Il Regio Decreto Legge 5 Marzo 1925, n. 342 “Istituzione e gestione del Servizio Rifornimento Viveri a Pagamento al Personale Dipendente dal Ministero aelle Comunicazioni” (Pubblicato Nella Gazzetta Ufficiale N.80 Del 6 Aprile 1925) stabiliva la nascita di un ente che faceva opera di sussistenza alimentare a favore delle numerose famiglie di ferrovieri, nonché dei circoli, dei dopolavori, delle mense e dei dormitori. Inoltre dava  supporto alle famiglia dei reduci e degli orfani di ferrovieri caduti in guerra che venivano assunti per diritto nell’amministrazione.

Qualche anno dopo, il Regio Decreto 4 febbraio 1932, n. 125, assegnò la denominazione «La Provvida» alla gestione stessa.

“La Provvida” era presente con alcuni spacci posti in grandi scali (come ad esempio Milano Porta Romana), ma aveva spacci un po’ in tutte le città principali, non necessariamente nei pressi delle stazioni. A Bolzano per esempio si trovava in via Dalmazia, in un nuovo quartiere popolare, mentre la stazione era nel centro storico.

Per accedere agli spacci occorreva avere un tesserino ministeriale

Tessera de La Provvida (1937)

Tessera de La Provvida (1937)

La vita non era facile, era il periodo delle sanzioni, e di lì a poco sarebbe scoppiata la guerra.  I benefici della Provvida vennero estesi anche ad altri dipendenti statali. Chi ha vissuto quegli anni complicati sicuramente la ricorda.
(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »