Feeds:
Articoli
Commenti

Benvenuto su “Scalaenne – NOTE SPARSE” che ha per tema treni e ferrovie, specie italiane, e la loro modellazione in Scala N.

Dai un’occhiata all’Indice, potresti trovare altre cose interessanti!
Vuoi ricevere una e-mail quando viene pubblicato un nuovo articolo? Iscriviti! A destra c’è un box per registrarsi.

Chiunque è libero di copiare, riadattare, distribuire o trasmettere i contenuti di questo blog, a patto che fornisca indicazioni della provenienza, e fatti salvi i copyright delle opere di terzi qui citate o riprodotte (Questo blog ha licenza Creative Commons CC-BY).

Modifiche recenti a post preesistenti:

I post su questo blog sono “vivi”, nel senso che vengono costantemente aggiornati qualora ci siano novità di qualche tipo relative ad argomenti già pubblicati. Qui vengono elencate le principali modifiche apportate ad articoli pre-esistenti nell’ultimo periodo:

    • 12 settembre, aggiunti modelli delle E.633 ed E.626 nell’articolo sulle motrici italiane per l’Orient Express
    • 10 settembre, effettuate correzioni e integrazioni nell’articolo sulle V160 in Italia
    • 7 settembre, aggiunte varie immagini di ATR100 e ATS1
    • 17 luglio, aggiunta immagine del Binato Breda trainato da una ÖBB 1020
    • 17 luglio, aggiunta immagine di una coppia di E.464 nella nuova livrea DTR
    • 13 luglio, aggiunto riferimento all’incidente di Ferrotramviaria nel Barese (Coradia
Aggiornamenti meno recenti sono listati qui

Pubblicato il 17 settembre 2016

Il Futurismo aveva lanciato il sasso nei primi anni del ‘900, aprendo un’era che celebrava la velocità ed il progresso. Il regime nato negli anni ’20 era in sintonia con queste idee. Il treno, simbolo di progresso e strumento di innovazione economica e sociale, ne ebbe un fortissimo impulso innovatore. La sperimentazione con la corrente continua 3.000 V effettuata a partire dal 1928 sulla linea Benevento-Foggia aveva aperto la strada: non restava che percorrerla con decisione. Allo scopo erano state progettate e realizzate le nuove macchine elettriche, le E.626, a cui fecero seguito le altre nuove motrici: la E.428, la sfortunata E.326, e quella E.424 la cui realizzazione sarebbe slittata nel tempo. Per il traffico locale vennero introdotte le automotrici leggere (ALe 88 e 79), ma non vennero trascurate le zone non elettrificate per le quali si inventò la Littorina. Si curarono poi le punte di diamante: l’autotreno (ATR 100) e l’elettrotreno (ETR 200). Nel giro di un decennio (ferroviariamente assai affascinante) il panorama dei trasporti su ferro subì rapide e  fantastiche variazioni, riassunte magistralmente nella seguente foto che mostra un ETR.200 trasferito, su una tratta non elettrificata, da una Gr.685.

1936: uno dei primi ETR.200 viene trasferito a vapore lungo la cintura di Milano. Foto Publifoto, tratta da marklinfan.

1936: uno dei primi ETR.200 viene trasferito a vapore lungo la cintura di Milano. Foto Publifoto, tratta da marklinfan.

Questa volta ci concentriamo su uno di questi elementi: l’ETR 200, presentato alla stampa internazionale l’11 giugno 1936 nella stazione di Roma-Termini. Lo stesso giorno il convoglio (l’esemplare era l’ETR 201) percorse la Roma Termini-Napoli Mergellina ad oltre 130 km/h di media con velocità di 175 km/h tra Roma e Formia.

Manifesto Breda reclamizzante l'ETR 200 - Dall'Archivio Claudio Pedrazzini de trainsimsicilia.net

Manifesto Breda reclamizzante l’ETR 200 – Dall’Archivio Claudio Pedrazzini de trainsimsicilia.net

Continua a leggere »

Pubblicato il 10 settembre 2016

Non sappiamo se il prototipo di automotrice L103 progettato dalla FIAT durante la guerra si sia avvalso dei brevetti Budd: di sicuro però come le carrozze Budd aveva una cassa in alluminio corrugato, e quindi pensiamo di poterlo inserire nella pattuglia italiana di rotabili in qualche modo appartenenti all famiglia degli streamliners, che come abbiamo visto comprende alcune Emmine, i Tolloni, lo Hüttenflitzer, le ALe 56, i binati e le carrozze Piaggio  e la MDVE Inox CNR.

A questi è accomunato dal fatto di essere rimasto “figlio unico”: un prototipo che, pur avendo avuto un suo fascino , non ha avuto seguito. E’ noto per aver prestato servizio sulla S.N.F.T., e per il nomignolo di “Faruk”.

Faruk-16/2/57 - Foto © Collez. Carmine Imonti, da stagniweb

Faruk-16/2/57 – Foto © Collez. Carmine Imonti, da stagniweb

Ripercorriamone la storia, che inizia con il progetto delle innovatrice automotrice FIAT L101.
Continua a leggere »

Pubblicato il 3 settembre 2016

La scrittura di queste note è almeno in parte motivata da vari ricordi più o meno di infanzia a carattere ferroviario. Tra questi c’e n’è uno con una curiosa dinamica: sul ponte che traversa l’Isarco, e che è parte integrante della stazione di Bolzano, si vedeva frequentemente una 245 da manovra andare avanti e dietro con un convoglio merci che si accorciava progressivamente. Quando tornava verso la stazione si poteva sentire il motore andare rapidamente su di giri: accelerava violentemente per poi rallentare, e a questo punto uno o più carri si staccavano dal convoglio e procedevano autonomamente per inerzia, fino a cozzare, a volte piuttosto violentemente, con carri fermi su uno dei”binari di direzione” del fascio merci che si snodava a fianco di quello di corsa con le pensiline.

Dei carri si muovono a gruppi durante una fase di smistamento effettuato a spinta.

Dei carri si muovono a gruppi durante una fase di smistamento, immagine da un filmato Luce

In questi casi si sentiva un gran botto metallico di respingenti che attutivano l’urto. Nella maggior parte dei casi però l’accostamento dei carri avveniva con meno violenza, e meno fragore.

Imparai presto che si chiamava “manovra a spinta”, e che era un modo efficiente per smistare i carri riorganizzando i convogli per prepararli per le nuove destinazioni.

Continua a leggere »

Pubblicato il 27 agosto 2016

All’Expo di Milano 2015 eravamo riusciti a trovare qualche piccolo spunto di carattere ferroviario. 76 anni prima, all’Expo di New York del 1939, le ferrovie avevano invece avuto un ruolo di primo piano.

Nel parco di Flushing Meadows che ospitava l’Expo (quello dove si trovano i campi da tennis sui quali si giocano gli US Open) vi era un’ampia zona dedicata ai trasporti, al cui interno si trovavano il Railroad Building nel quale si svolgeva anche un’opera teatrale in cinque atti (Railroads on parade) che, di fronte a 3000 spettatori alla volta, celebrava l’epopea delle ferrovie, con musiche di Kurt Weill.

Locandina dello spettacolo teatrale

Locandina dello spettacolo teatrale

Protagonisti a teatro erano proprio i treni, con una mostra di locomotive a vapore che ne ripercorreva l’epopea, a partire dal Tom Thumb, la prima macchina a vapore ad uso ferroviario costruita in USA, fino alle macchine più recenti e prestigiose.

Scena finale di Railroad on Parade, Foto Library of Congress

Scena finale di Railroad on Parade, Foto Library of Congress

Continua a leggere »